Realizzazione

La realizzazione della nuova server farm di Spin ha richiesto circa 18 mesi, dal suo concepimento in termini di idee di base al completamento della realizzazione tecnica.

Una prima scelta strategica è stata quella di mantenere la server farm all’interno dello stesso edificio che ospita i laboratori e gli uffici di Spin: rispetto a scelte di tipo economico, si sono privilegiati concetti come immediatezza di accesso alla struttura tecnologica e vicinanza, anche emotiva, tra operatori e struttura stessa. Si è deciso quindi di utilizzare un ampio ambiente disponibile presso il corpo centrale di BIC Incubatori FVG S.p.A, l’incubatore tecnologico ubicato a Trieste all’interno del quale opera Spin. Su tale ambiente si è poi intervenuti pesantemente sotto molteplici aspetti, fino a raggiungere tutti i requisiti stabiliti in fase di progetto.

Lo studio tecnologico preliminare ha evidenziando che solo mantenendo in casa il project management e il controllo di qualità produttiva era possibile costruire la sala dati che avevamo in mente: il progetto è quindi stato disassemblato in moduli, ciascuno dei quali affidato a un fornitore specializzato e quindi “ricomposto” sul campo dal Project Manager Spin.

Dal punto di vista delle opere murarie si è scelto di rendere la server farm più sicura possibile isolandola completamente dalle pareti esistenti nell’edificio-ospite: si è quindi optato per la soluzione “box-in-the-box” che ha implicato l’edificazione di un nuovo volume costruito ex-novo, nessuno dei sei lati del quale comunica con l’esterno. Questo ha permesso di realizzare una struttura completamente sicura da un punto di vista vibrazionale, sismico e anti-intrusione. L’accesso alla sala dati è governato da un’unica porta corazzata ad accesso biometrico con rilevazione di parametri multipli (le sole impronte digitali del personale autorizzato non sono infatti sufficienti).

L’esterno di questa vera e propria “cassaforte tecnologica” rappresenta l’altro lato della filosofia Spin, ovvero la valorizzazione del parametro qualitativo e quindi artistico dell’animo umano: per questo motivo le decorazioni del corridoio di accesso sono state affidate a un gruppo di writers dell’ultima generazione, mentre le pareti riportano motti e iscrizioni che sottolineano la componente umana e soggettiva della tecnologia. L’insieme dell’artwork è visibile solo da un ben determinato punto di vista, in accordo al concetto di anamorfosi: in tale punto la rappresentazione tridimensionale delle diverse pareti della server farm “collassa” su un piano bidimensionale governato dal cerchio, ovvero il simbolo della continuità e della perfezione in natura.

Survey Virusbullettin

A seguito degli importanti upgrade del servizio Safe Mail e’ stata rinnovata la partnership con virusbullettin dove contiamo di raggiungere [...]

Novità sul filtraggio antispam

E’ stata implementata con successo un importante evoluzione che arricchisce la modalita’ di filtro antispam sui servizi MTA [...]

Nuove funzionalità filtraggio antispam

Abbiamo introdotto la funzionalità di whitelist del mittente sul filtraggio degli allegati. I mittenti whitelistati avranno la [...]
[tutte le notizie]